Dove conservare i tuoi Bitcoin?

Conserva al sicuro i tuoi Bitcoin

Hai appena acquistato i tuoi primi Bitcoin e vuoi conservarli in un posto sicuro? Fai parte di quei risparmiatori che hanno investito in questa nuova valuta digitale, e adesso hai bisogno di un sistema per metterli al riparo da occhi indiscreti? Questo è un universo tanto nuovo quanto affascinante, ma fai attenzione a cosa utilizzi. Visto che la sicurezza va di pari passo con la tecnologia, evita di utilizzare sistemi obsoleti. Come dici? Ci stavi giusto facendo un “pensierino” e ti piacerebbe avere dei consigli su come fare?

Di metodi ce ne sono un po’ per tutti i gusti e per tutte le tasche. Alcuni sono facilmente aggirabili dai malintenzionati più esperti. Spesso però, i pareri trovati su internet o sulle riviste specializzate contengono dati tecnici non sempre comprensibili. Così è facile cadere in confusione.

Come capire quindi quale si adatta di più alle tue necessità? Se vuoi saperne di più e vuoi una mano a valutare correttamente le soluzioni disponibili e più sicure per conservare i tuoi Bitcoin, continua a leggere. Trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno proprio qui sotto. Ma ricorda, la scelta finale è personale.

Non essere protetti può facilitare il compito a eventuali malintenzionati.

Questo di certo lo sai. Meno ovvio è capire che cosa voglia dire essere protetti.
In questo articolo daremo per scontato che utilizzi il computer in rete, condividi i file tramite penne e dispositivi USB e che tutto ciò è accessibile fisicamente da altre persone. Se questo è il tuo approccio alla gestione della sicurezza e dei tuoi Bitcoin, mi dispiace dirti che stai facendo le cose nel modo sbagliato. Fai un favore a te stesso e leggi l’articolo.

In realtà, non c’è bisogno di conservare i tuoi Bitcoin. Ciò che devi mettere al sicuro sono le due chiavi digitali (privata e pubblica), necessarie per accedere ai tuoi Bitcoin e per autorizzare le transazioni. Queste due informazioni vengono memorizzate in un portafoglio installato sul tuo smartphone, tablet o computer, o addirittura su un foglio di carta.

Ma in che modo un malintenzionato potrebbe venire in possesso della tua chiave privata e accedere al luogo in cui conservi i tuoi Bitcoin?

Le truffe legate ai Bitcoin sono tantissime ma possono essere evitate con qualche semplice accorgimento in più.

Ecco alcune situazioni in cui potresti trovarti se i livelli di sicurezza sono estremamente bassi.

  • Hai installato un software copiato o non originale, che in pochissimo tempo esegue la scansione del disco rigido e trova la tua chiave privata. Dopo alcuni millisecondi il malintenzionato effettua una nuova transazione sulla rete Bitcoin e si appropria di tutti i tuoi soldi duramente guadagnati.
  • Qualcuno ruba il contenuto della tua email e vende tutto sulla darknet. Dopo qualche ora il “nuovo” proprietario dei tuoi dati riesce ad appropriarsi dei tuoi Bitcoin accedendo a quei servizi che permettono di autenticarsi tramite l’indirizzo email.
  • Potrebbe succedere che un dipendente malintenzionato della società che gestisce il tuo portafoglio online, acceda ai tuoi dati e si trasferisca i soldi sul suo account. In questo caso sarà impossibile risalire all’autore del furto.
  • La società di fiducia che gestisce il tuo portafoglio online, improvvisamente, chiude il servizio e sparisce con i tuoi Bitcoin. È già successo in passato.
  • Navigando semplicemente su internet, un trojan infetta il tuo pc, sequestra i documenti in esso contenuti, e li analizza alla ricerca dei link al tuo portafoglio online. Non appena si rende conto di quanti soldi hai, ti chiede un riscatto per ottenere un decrittatore in grado di recuperare i tuoi dati. L’aspetto tragico è che tutti i tuoi risparmi potrebbero essere nel portafoglio online.
  • Perdi il tuo notebook o il tuo smartphone senza averli prima criptati.
  • Il tuo computer viene infettato con un keylogger, programmato per inviare la sequenza di tutti i tasti premuti sulla tastiera al creatore del virus, compreso l’indirizzo e la password del tuo portafoglio online.
  • Ricevi una email con la grafica e il logo ufficiali del servizio che custodisce online i tuoi Bitcoin. Nella mail vieni invitato a cliccare su un link nel quale ti viene chiesto d’inserire username e password di accesso al portafoglio online. Una volta digitati, il malintenzionato potrà accedere indisturbato ai tuoi risparmi ed eseguire qualsiasi operazione.
  • Un bel giorno potresti svegliarti e non avere più soldi nel portafoglio online perché, tramite una backdoor, qualcuno ha prelevato tutti i tuoi Bitcoin.

Anche se questo non è un elenco completo di ciò che potrebbe succedere, è un buon punto di partenza per comprendere meglio la situazione quando qualcosa va storto.
La moneta elettronica non è l’Euro. Il Bitcoin viene spesso definito trust-less perché non viene posta la totale fiducia su un ente terzo per la gestione della sicurezza dei tuoi risparmi. In questa fase, sei tu l’unico responsabile dei Bitcoin conservati nel tuo portafoglio. Se perdi il controllo della tua chiave privata, perdi il controllo dei Bitcoin collegati a quella chiave privata.

Quali sono quindi le regole per conservare i tuoi Bitcoin?

Ecco alcune semplici regole per farlo nella maniera corretta.

La prima e la più importante: non condividere con nessuno la tua chiave privata.
Di conseguenza, è preferibile evitare di utilizzare quei servizi di deposito online che conservano la tua chiave privata sul server. Evitare anche d’inserire permanentemente la chiave nelle app del computer e dello smartphone se connessi a internet.
Il secondo passo è configurare un cold storage, un portafoglio molto sicuro perché risiede in un computer scollegato da internet, quindi a prova di malintenzionati.

Ok, mi hai convinto, ma quali sono tutti i metodi più sicuri per conservare i Bitcoin che posso utilizzare? Eccoli:

Adesso hai le nozioni necessarie per conservare in modo sicuro i tuoi Bitcoin. Cliccando sui link di questo elenco puoi analizzare ogni singola tipologia di portafoglio, e i pro e i contro di un tipo piuttosto che di un altro. In genere, almeno uno si adatterà ai tuoi bisogni.

Prima però completa questa lettura per gli ultimi accorgimenti da adottare per massimizzare la sicurezza dei tuoi risparmi.

Sei quasi pronto per iniziare

Volendo concludere, come hai potuto capire: la banca dei tuoi Bitcoin sei tu. I sistemi per conservare i tuoi Bitcoin non sono tutti uguali a livello di sicurezza. Pertanto, sta a te valutare quello che meglio si adatta alle tue più svariate esigenze.
Qualsiasi sistema tu scelga per conservare i tuoi risparmi, non lasciarli mai depositati per lunghi periodi in un portafoglio connesso a internet. Se la violazione dell’accesso al tuo portafoglio dipende da una tua distrazione, non c’è assicurazione che possa coprire il danno subito.

Ovviamente non è sufficiente conoscere l’approccio adeguato, ma è necessario metterlo in pratica preventivamente. Per assicurarti il più alto livello di sicurezza devi rispettare alcune semplici e chiare regole di condotta:

  • Cripta il tuo portafoglio con una password complessa e facile da ricordare
  • Fai periodicamente il backup completo del tuo portafoglio
  • Utilizza la funzione multi-firma
  • Conserva il portafoglio offline
  • Conserva solo piccole somme di Bitcoin per l’uso quotidiano sui dispositivi connessi ad internet
  • Aggiorna periodicamente il tuo software

Ora hai tutte le informazioni necessarie per creare il tuo portafoglio personale e per conservare in sicurezza i tuoi Bitcoin.