Conserva i tuoi Bitcoin utilizzando un portafoglio desktop

Se hai già installato il client originale di Bitcoin (Bitcoin Core), hai già un portafoglio desktop, ma forse non lo sai. Tra i tanti client, sia per Windows, che per Mac OSX e Linux, il più sicuro è Armory.

Faccio una premessa, se decidi di utilizzare un portafoglio Desktop, ricorda che il principale rischio è il tuo computer. Non è sufficiente configurare al meglio il portafoglio, se sul tuo computer manca un potente antivirus in grado di prevenire gli attacchi dei malintenzionati. Acquista sempre la versione completa dell’antivirus, che garantisce una protezione avanzata contro tutti i tipi di minacce.
Tieni inoltre sempre aggiornato il computer con le patch e gli aggiornamenti più recenti, e assicurati che il tuo sistema operativo e la tua connessione ad internet siano configurati in modo sicuro.

Armory è un portafoglio per Bitcoin

All’avvio di Armory, il software scarica una copia completa dell’intero registro delle transazioni (blockchain), con tutte le transazioni che sono avvenute nelle rete Bitcoin dal 2009 ad oggi. Ad oggi (giugno 2017) il registro ha una dimensione di 143 GB (puoi vedere il dato aggiornato cliccando qui). Solo al termine della sincronizzazione completa, Armory è in grado di processare transazioni o di aggiornare il saldo del conto. Assicurati di avere spazio sufficiente nel disco, larghezza di banda, e tempo per completare la sincronizzazione iniziale.

Completata la sincronizzazione, puoi creare il portafoglio per conservare i tuoi Bitcoin, puoi cifrarlo con una password, ed eseguire un backup dei dati su un portafoglio cartaceo (o paper wallet). Questa operazione è molto utile e permette di recuperare i tuoi risparmi nel caso in cui dovessi installare nuovamente il software.

Armory permette di contrassegnare le chiavi pubbliche

Armory permette anche di creare all’interno del tuo portafoglio più di una chiave pubblica (o indirizzo Bitcoin), così da avere un punto d’invio o di ricezione per ciascuna transazione. Puoi anche contrassegnare ogni chiave pubblica con un’etichetta, riuscendo così a gestire la tua contabilità personale, quella familiare, o quella legata alla tua attività, monitorando le transazioni ed il tuo bilancio.